Mercato immobiliare, Milano esce prima dalla crisi del Covid rispetto a Roma

Il mercato immobiliare milanese batte quello romano nell’ambito degli investimenti. Questo perché, secondo l’analisi di PwC Emerging Trends in Real Estate Europe 2022, nel mercato immobiliare mondiale il numero delle multinazionali presenti in una città è più importante rispetto al turismo per uscire più velocemente da una crisi. E Milano in questo senso ha molti più numeri rispetto a Roma, che negli anni ha visto chiudere molte sedi aziendali, a vantaggio del capoluogo lombardo.

Sempre secondo l’analisi, gli investitori sono sempre più attenti a variabili come la forza lavoro, l’accessibilità e la mobilità delle città. Grazie alle immunizzazioni dalla pandemia diffuse in tutta Europa le prospettive per il settore immobiliare sono promettenti, anche se nei mercati dipendenti dal turismo la ripresa sarà più lenta rispetto al trend generale.

Sotto questo punto di vista, infatti, Milano, nonostante sia scesa di due posizioni rispetto al 2021, è all’undicesimo posto nella classifica delle città più interessanti per gli investimenti internazionali. Roma, invece, è ferma alla ventunesima posizione e viene considerata ancora un mercato meno maturo, in attesa di poter riaffermare la propria leadership nel segmento turistico nell’era post pandemica.

Milano – eccesso di domanda

La crescita dei valori immobiliari di Milano ha fatto conquistare al capoluogo lombardo il primo posto per numero di compravendite e poi anche di prezzi, e testimonia l’uscita di Milano dagli effetti del covid in grande anticipo rispetto al resto d’Italia. Se tutto il nostro Paese, infatti, si risveglia oggi e riparte, Milano ha già preso velocità da tempo. Per questa ragione, cercare casa nella città meneghina è molto complesso: c’è un eccesso di domanda che si traduce in compravendite molto veloci quando gli immobili arrivano sul mercato. 
Infatti, capita spesso di vendere immobili alla prima visita o prima ancora di mettere l’appartamento in pubblicità, attraverso il database interno delle agenzie. Tutto ciò accade nonostante le quotazioni di mercato siano elevate, infatti i valori, soprattutto nel Centro Storico di Milano arrivano a superare i 10.250 €/mq.  Negli ultimi tre mesi, come sottolinea il ceo di Century 21, divisione italiana del colosso americano del real estate, le quotazioni del mercato residenziale sono in aumento dell’1,05% unitamente a quello commerciale che nel 2021 è aumentato del 20%, confermando l’ottimo momento di mercato per mettere in vendita la propria casa.